MuseoVerde MuseoVerde MuseoVerde

Eventi e News

MuseoVerde informa

Intervista a Erasmo Duarte

Prospettive e speranze per il Pantanal tra siccità e pandemia

Intervista realizzata da Beatrice D’Ascenzi e Anita Testa

 

La seconda di questa serie di interviste, dedicate al racconto dell’esperienza dei membri dell’associazione Museo Verde, ci è stata gentilmente concessa da Erasmo Duarte. Egli risiede nella regione del Pantanal, la più grande zona umida del mondo, un'immensa pianura alluvionale soggetta a inondazioni periodiche, considerato l'ecosistema con il maggior numero di specie di flora e fauna del mondo. Proprio in questa area così importante per la biodiversità, tanto che il WWF l'ha identificata come una delle ecoregioni del pianeta, Erasmo lavora e ha costruito la sua famiglia, entrando in contatto con il popolo nativo dei Kadweu.

 

Nota delle autrici: l’intervista scritta ad Erasmo Duarte è stata realizzata in lingua portoghese, lingua madre dell’intervistato, ma al seguito è disponibile anche la traduzione italiana dello stesso testo.

 

MUSEO VERDE: Como começou sua história no gran chaco?

ERASMO: Moro a 11 anos na Cidade de Porto Murtinho, Mato Grosso do Sul, Brasil, que faz fronteira com o Paraguai, na região do gran chaco, vivo nas margens do grande rio Paraguai. No Município que resido,  tem uma grande extensão de terra dos indígena Kadweus. Antes de conhecer o Museu Verde eu já  tinha contato com as aldeias onde vivem esses indígenas, que fica distante uns 400 km da Cidade de Porto Murtinho. Do outro lado do Rio Paraguai vivem os indígena  Adhoreus. Quando as pessoas do museu Verde foram visitar  essa comunidade indígena  que passaram para o lado brasileiro e eu tive o primeiro contato com eles e falei do povo Kadweu e começamos a fazer visita a algumas aldeias, isso aconteceu em 2017. Pessoas que estavam nesse grupo:  Gherardo la Francesca, Padre José Zanardinni e Calixto Seguier.

 

MV: Como você vivencio a pandemia?

E: O povo Kadweu vive muito distante da Cidade de Porto Murtinho, as aldeias estão mais próximas de outras Cidades como Bonito e Bodoquena. Eles vem muito pouco aqui em Porto Murtinho, embora as aldeias estejam nesse município. Mas a pandemia trouxe problemas tanto para nós da cidade e também para as aldeias.  Eu e minha esposa somos comerciantes, temos um hotel e uma casa lotérica. O impacto econômico foi grande. Aqui onde moro já passou de 500 casos  confirmados  e 18 mortes. Nas comunidades indígenas também entrou o problema da Covid 19.  Para todos nós  a sensação é de medo e insegurança.

 

MV: Que impacto as mudanças climáticas tiveram e como foram percebidas por sua comunidade?

E: Com relação ao meio ambiente o problema que mais nos afetou foi a questão da seca, faltou chuva e um grande incêndio que consumiu grande parte do nosso querido Pantanal, que é a maior planície alagada do mundo. O rio Paraguai que é um rio navegável por grandes embarcações, ficou muito baixo impedindo que os grandes navios circulassem. O ano de 2020 foi muito difícil para toda essa região do gran chaco e Pantanal.  Afetou muito a economia tanto na Cidade como no campo.

 

MV: Qual é a sua contribuição para a associação Museo Verde?

E: Minha contribuição é pequena, vivo distante a 400 Km das aldeias mais próxima. Vou dois vezes por ano em algumas aldeias. Claro que tenho contato com eles via internet com frequência. Quando os indígenas vem a Porto Murtinho somos uma referência para eles. Chegam na minha casa, tem o apoio em tudo que podemos ajudar. Sou representante do Museo Verde aqui no Brasil, a convite de meu amigo Gherardo La Francesca. Sou apaixonado pelos projetos da nossa associação. Já temos alguns trabalhos mais diretamente em dois aldeias, A São João e a Alves de Barros.

 

MV: Contenos sobre os projetos futuros de sua comunidade.

E: Para o futuro, nosso objetivo é mostrar para o povo Kadweu os valores da história, da cultura e das belas tradições que só eles têm. Nas visitas e nos contatos que temos com eles tentamos achar uma forma de motivá-los para essas questões. A alguns meses Gherardo enviou um material muito bem preparado para a secretaria de Educação que cuida a parte indígena para ser transmitido aos coordenadores das escolas e para os professores. Esse material é de grande valia para eles. Porém não estão tendo aulas presenciais devido a pandemia. Mas vamos insistir com eles no conhecimento desse material. Tem uma aldeia que conseguiu construir um grande barracão para suas festas e apresentações culturais. Nessa aldeia tem uma associação de mulheres que fazem peças em cerâmica. Nossa conversa com elas é uma ajuda com doação de cinco painéis com fotos e explicação de alguns símbolos da cultura Kadweu.  Confesso que o problema da pandemia atrasou muito  nossos trabalhos.  Para encerrar quero dizer que continuamos firmes e fortes na Fé e na Esperança.

 

§§§

 

MUSEO VERDE: Come è iniziata la tua storia nel Gran Chaco?

ERASMO: Vivo da 11 anni nella città di Porto Murtinho, Mato Grosso do Sul, Brasile, che confina con il Paraguay, nella regione del Gran Chaco, vivendo sulle rive del grande fiume Paraguay. Nel comune in cui vivo c'è una vasta area di terra degli indiani Kadweus. Prima di visitare il Museo Verde, avevo già avuto contatti con i villaggi in cui vivono questi indigeni, che dista circa 400 km dalla città di Porto Murtinho. Dall'altra parte del fiume Paraguay vivono gli indigeni Adhoreus. Quando le persone del Museo Verde sono andate a visitare questa comunità indigena, si sono trasferite nella parte brasiliana e ho avuto il primo contatto con loro e ho parlato del popolo Kadweu e abbiamo iniziato a visitare alcuni villaggi, è successo nel 2017. Persone che erano in questo gruppo: Gherardo la Francesca, padre José Zanardinni e Calixto Seguier.

 

MV: Come vivi la pandemia?

E: Il popolo Kadweu vive molto lontano dalla città di Porto Murtinho, i villaggi sono più vicini ad altre città come Bonito e Bodoquena.  Vengono molto poco qui a Porto Murtinho, anche se i villaggi sono in quel comune.  Ma la pandemia ha portato problemi sia a noi del comune che ai villaggi.  Mia moglie ed io siamo commercianti, abbiamo un albergo e una lotteria.  L'impatto economico è stato grande.  Qui dove vivo ci sono stati oltre 500 casi confermati e 18 morti.  Il problema del Covid 19 è entrato anche nelle comunità indigene: per tutti noi il sentimento è di paura e insicurezza.

 

MV: Che impatto ha avuto il cambiamento climatico e come è stato percepito dalla tua comunità?

E: Per quanto riguarda l'ambiente, il problema che più ci ha colpito è stato quello della siccità, della mancanza di piogge e di un grande incendio che ha consumato gran parte del nostro caro Pantanal, che è la più grande pianura alluvionale del mondo. Il fiume Paraguay, che è un fiume navigabile da grandi navi, è diventato troppo basso impedendo la circolazione di grandi navi. Il 2020 è stato un anno molto difficile per l'intera regione del Gran Chaco e del Pantanal. Ha influenzato notevolmente l'economia sia in città che in campagna.

 

MV: Qual è il tuo contributo all'associazione Museo Verde?

E: Il mio contributo è esiguo, abito a 400 km dai paesi più vicini.  Vado due volte l'anno in alcuni villaggi.  Ovviamente ho contatti frequenti con loro tramite internet.  Quando gli indigeni vengono a Porto Murtinho, siamo un riferimento per loro.  Arrivano a casa mia, hanno supporto in tutto ciò per cui possiamo aiutare.  Sono un rappresentante del Museo Verde qui in Brasile, su invito del mio amico Gherardo La Francesca.  Sono appassionato dei progetti della nostra associazione.  Abbiamo già alcuni lavori più direttamente in due villaggi, A São João e Alves de Barros.

 

MV: Parlaci dei progetti futuri della tua comunità.

E: Per il futuro, il nostro obiettivo è mostrare al popolo Kadweu i valori della storia, della cultura e delle belle tradizioni che solo loro hanno. Nelle visite e nei contatti che abbiamo con loro, cerchiamo di trovare un modo per motivarli a questi problemi. Qualche mese fa Gherardo ha inviato un materiale molto ben preparato alla Segreteria Educativa che si occupa della parte indigena da trasmettere ai coordinatori scolastici e agli insegnanti. Questo materiale è di grande valore per loro. Tuttavia, non stanno prendendo lezioni faccia a faccia a causa della pandemia. Ma insisteremo con loro sulla conoscenza di questo materiale. C'è un villaggio che è riuscito a costruire un grande capannone per le sue feste e presentazioni culturali. In questo villaggio c'è un'associazione di donne che realizzano pezzi di ceramica. La nostra conversazione con loro è un aiuto con la donazione di cinque pannelli con foto e spiegazione di alcuni simboli della cultura Kadweu. Confesso che il problema della pandemia ha ritardato molto il nostro lavoro. In conclusione, voglio dire che rimaniamo saldi e forti nella fede e nella speranza.

 

La testimonianza gentilmente offertaci da Erasmo Duarte costituisce uno spaccato importante sulla realtà territoriale del Pantanal e della comunità di Puerto Murtinho, luoghi ancora troppo poco conosciuti e valorizzati ascrivibili alla grande risorsa geografica e culturale che è il bacino del Gran Chaco. In particolare, il prezioso contributo di Erasmo Duarte può farci comprendere a fondo le imprese e le sfide che la Onlus Museo Verde si prefigge di affrontare nel prossimo futuro, con un focus specifico sulle problematiche ambientali che riguardano la pianura del Pantanal, nonché sull’impatto che il Covid 19 sta avendo sulla vita quotidiana della comunità Kadweu e sul sostentamento delle popolazioni del Gran Chaco nella loro totalità.

Eventi e News

Archivio notizie

Intervista a Erasmo Duarte

Intervista a Erasmo Duarte

Prospettive e speranze per il Pantanal tra siccità e pandemia
Leggi l'articolo
Intervista ad Analia Rodriguez di Fortin Lavalle

Intervista ad Analia Rodriguez di Fortin Lavalle

Uno sguardo sul mondo dell'artigianato femminile Qom
Leggi l'articolo
Il primo Museo Verde realizzato con le comunità indigene del Chaco raccoglie i primi frutti (in Spagnolo)

Il primo Museo Verde realizzato con le comunità indigene del Chaco raccoglie i primi frutti (in Spagnolo)

Leggi l'articolo
Dalle tradizioni ancestrali alle moderne tecnologie.

Dalle tradizioni ancestrali alle moderne tecnologie.

Il Museo Verde, un modello innovativo per la conservazione e la valorizzazione delle culture indigene del continente latino-americano.
Leggi l'articolo
Il Museo Verde si estende al Chaco argentino

Il Museo Verde si estende al Chaco argentino

Iniziato in Paraguay, l'importante progetto muove i primi passi in Argentina
Leggi l'articolo